Mostrando post taggati vanità.
x

Olivia Spaghetti (this is not a cooking site)

TASTE MY ANSWER   ADD YOUR SALT   

anche l'occhio vuole la sua parte. e io? disse il cuore..

Olivia Spaghetti non è una fotografa nè, tantomeno, una cuoca. non è una Guru e, figuriamoci, se possa essere una scrittrice. non è un’attrice e nemmeno un’artista. è un modo. un modo per mettere insieme tutte queste cose, così da far diventare cibo tutto ciò che ci serve per vivere: la bellezza, l’allegria, la curiosità e, Bruce, l’Universo. con lui, però, è meglio non scherzare troppo.

_ _ _

food needs also to catch the eye. what about me? told the heart..

Olivia Spaghetti isn't a photographer, She isn't even a cook. She isn't a Guru, She isn't a writer. she isn't an actress and she isn't an artist. Olivia Spaghetti is a way. a way to mix all these things, so as to get food everything we need for living: beauty, happiness, curiosity and he, Bruce, the Universe. with Bruce however, it's better don't joke too much.

Olivia



twitter.com/Lisabencivenni:

    ARTURO: - come mai vai sempre dal parrucchiere?

    OLIVIA: - soffro di vertigini.

    (L.B.)

    — 5 mesi fa
    #parrucchiere  #capelli  #belleza  #vertigine  #acconciatura  #essere  #beauty  #arturo  #vanità  #olivia spaghetti words 
    quando ciò che ritenevi una macchia ostinata e contraria (al sapone) si rivela una voglia di cui hai un’antica reminiscenza risalente ad un’estate al mare di prima che tu sapessi solo pronunciare la parola ‘rasoio’, tuttalpiù l’avevi sentita dire da tuo padre durante la spesa al supermercato, e attonita rientri in possesso dell’incolto, infinito spazio che t’intercorre fra l’ombelico e la vita, allora potrai cominciare a considerare, senza abbassare mai la guardia sull’intramontabile saggezza popolare riassunta nell’inconfutabile frase “donna depilata nessuno se l’è mai filata”, necessario ed irrimandabile l’insano gesto che hai deciso di compiere a quest’ora della notte (L.B.)

    quando ciò che ritenevi una macchia ostinata e contraria (al sapone) si rivela una voglia di cui hai un’antica reminiscenza risalente ad un’estate al mare di prima che tu sapessi solo pronunciare la parola ‘rasoio’, tuttalpiù l’avevi sentita dire da tuo padre durante la spesa al supermercato, e attonita rientri in possesso dell’incolto, infinito spazio che t’intercorre fra l’ombelico e la vita, allora potrai cominciare a considerare, senza abbassare mai la guardia sull’intramontabile saggezza popolare riassunta nell’inconfutabile frase “donna depilata nessuno se l’è mai filata”, necessario ed irrimandabile l’insano gesto che hai deciso di compiere a quest’ora della notte (L.B.)

    — 7 mesi fa
    #depilare  #rasoio  #ceretta  #peli  #bellezza  #toilette  #bagno  #estetista  #forbici  #lametta  #lama  #donna  #sapone  #acqua  #lavandino  #beauty  #crema  #olivia spaghetti pics  #vanità  #olivia spaghetti words 
    l’intermediario,

    che poi non era altro che la versione low cost dell’agente immobiliare, si fece trovare esattamente all’angolo della cioccolateria artigianale, come le aveva detto al telefono. lei, seppure l’avesse già scorto con la coda imbellettata dell’occhio, finì d’ammazzare il tempo che gli aveva concesso in più appuntellata all’altro cantone del vicolo e gli andò incontro nascondendo magistralmente ogni strascico dell’insofferente tedio: “scusami per il ritardo” “figurati, avevo alcune commissioni da sbrigare” sorrise soffermando più del dovuto lo sguardo sulla cravatta a strisce colorate, apprezzabile compromesso fra l’ufficio e i murales del quartiere. 
    con l’aria svagatamente meravigliata della turista, lo seguì per quelle viuzze cercando di non rubargli la soddisfazione di condurre il gioco. “quarto piano senza ascensore ma, in compenso, il portone è piuttosto importante, specie per una scrittrice” disse impicciandosi fra le chiavi e l’impietoso fiatone, “imponente” replicò lei con una fulminea nota di vanità nella voce, maledicendosi tra sè e sè per non essersi morsa la lingua. 
    la piccola casa finiva appena messo il piede oltre la soglia di pietra serena, però era piena di luce, soprattutto considerando quell’ora accavallata fra il pomeriggio e la sera di quella volubile giornata d’inizio aprile. due battute sulla sua sospetta abilità nel fare un buon caffè, poi lui la invitò a sedersi dall’altra parte del tavolino pieghevole e, rimanendo dietro le lenti scure, le spiegò per filo e per segno tutte le condizioni della locazione. lei, invece, non ebbe bisogno di troppi discorsi per dettare le sue: in ogni caso si sarebbero risentiti il giorno successivo. 
    (da “Il libro che non ho ancora scritto”, L.B.)

    — 1 anno fa
    #agente immobiliare  #appuntamento  #tattica  #vanità  #attrazione  #aprile  #casa  #olivia spaghetti words